Mazda MX-5: prezzo

Il prezzo di listino della Mazda MX-5 parte dai 28.550 euro della 1.5 Exceed.

Mazda MX-5: caratteristiche

Risale al 2015 il lancio di questa quarta generazione della Mazda MX-5, la spider compatta considerata un classico nel suo genere: il primo modello risale al 1989, e già nel 2016 è stato raggiunto il traguardo del milione di esemplari venduti (un record fra le sportive a due posti).

La formula è quella delle origini, e prevede il motore anteriore (montato in posizione longitudinale e arretrata) e la trazione posteriore. Ne risulta una equilibrata ripartizione dei pesi - 50:50 - fra avantreno e retrotreno, vanto delle sportive inglesi degli anni 60, delle quali questa giapponesina rappresenta l’erede putativa. Grazie alle dimensioni contenute (è lunga appena 392 cm) e alla progettazione definita anche in funzione della riduzione del peso (cofano, baule e rinforzi del paraurti sono in alluminio), ora la massa è intorno ai 1000 kg.

Rispetta la tradizione e le esigenze della leggerezza pure la capote, che è in tela e provvista di sistema di apertura manuale (facilmente azionabile stando seduti). Piuttosto ben curato l’abitacolo della Mazda MX-5, cucito addosso a guidatore e passeggero, non privo di piccole attenzioni al comfort, quali gli altoparlanti dell’hi-fi integrati nei poggiatesta oppure il frangivento che taglia i vortici quando si viaggia a cielo aperto.

Con l’aggiornamento del 2018 è finalmente arrivata anche la regolazione in profondità del volante, che si va ad aggiungere a quella in altezza: i più alti possono finalmente assumere una posizione di guida corretta. Non mancano, poi, interessanti aiuti elettronici alla guida, come l’avviso di uscita involontaria dalla corsia, la frenata d’emergenza automatica e i sensori degli angoli ciechi degli specchietti.

Mazda MX-5: motori

La leggerezza della MX-5 favorisce la maneggevolezza e le prestazioni, vivaci anche nel caso della 1.5 da 132 CV. In alternativa c’è la più incisiva versione 2.0 da 184 CV, anch’essa a benzina e dotata in più del differenziale autobloccante, degli ammortizzatori Bilstein e della barra anteriore di irrigidimento che unisce i duomi anteriori degli ammortizzatori

In entrambi i casi, l’allungo termina solo a 7500 giri e abbinato c’è un cambio manuale preciso e rapido a sei marce.