Suzuki Jimny Pro: un fuoristrada inarrestabile (PROVA)

Prezzo di listino € 23.900,00

Dimensioni compatte e trazione integrale per un veicolo commerciale (omologazione N1) inarrestabile nell’off-road: abbiamo provato la Suzuki Jimny Pro, ecco il nostro responso.

DATI TECNICI
VALUTAZIONI
GALLERY
SCHEDA TECNICA NEWS
Motore 1.5 Pro 4WD AllGrip
Alimentazione Benzina
CV/KW 102/75
Km/l 6.1
Velocità massima 145
0/100 kM/h 12
Dimensioni
(L/W/H)
3645 / 1645 / 1720 mm
Motore
Consumo
Abitabilità
Comfort
Bagagliaio
Su strada

Suzuki Jimny Pro è un fuoristrada versatile e inarrestabile. Dimensioni compatte per un veicolo commerciale, omologato N1, che abbina una grande capacità di carico a ineguagliabili doti in off-road.

Suzuki Jimny Pro è in vendita a un prezzo di listino di 23.900 euro.

Una due posti dalla grande capacità di carico, rispetto alla precedente versione quattro posti guadagna 30 litri di carico massimo per un volume totale di 863 litri. La zona anteriore è separata dal bagagliaio da una solida rete divisoria che consente di stivare carichi ingombranti anche in altezza in assoluta sicurezza. Il portellone è incernierato lateralmente e provvisto di ruota di scorta esterna.

Suzuki Jimny Pro: nessun fuoristrada come lui

Ha una lunghezza di soli 3,645 metri, un’altezza di 1,705 metri e una larghezza di 1,645 metri per un passo di 2,25 metri, grazie a sbalzi ridotti e a considerevoli angoli di attacco, di uscita e dosso, rispettivamente di 37, 49 e 28 gradi, il fuoristrada giapponese arriva li dove gli altri si arrendono, riuscendo a superare con disinvoltura anche gli ostacoli più impervi e terreni più accidentati.

Un telaio a traliccio ad alta resistenza dunque ma anche una dotazione tecnica di primissimo livello, le sospensioni anteriori e posteriori seguono il collaudato schema del ponte rigido con molle elicoidali, i cerchi da 15 pollici calzano pneumatici tassellati 195/80 R15 86S.

A spingere questo compatto fuoristrada ci pensa un motore benzina da 1,5 litri, un quattro cilindri in linea con distribuzione 4 valvole per cilindro capace di una potenza massima di 102 cavalli a 6.000 giri al minuto per una coppia massima di 130 Nm disponibile a partire dai 4.000 giri al minuto.

Grazie a un rapporto di compressione di 10:1 e a valori di alesaggio e corsa particolarmente contenuti (74 x 85), questo robusto propulsore si rivela perfetto per fluidità di erogazione e capacità di prendere i giri anche a bassa velocità. Il cambio manuale è a 5 rapporti, anche in movimento il guidatore può inserire le quattro ruote motrici mentre in presenza di salite particolarmente ripide la trazione AllGrip Pro frena la ruota che slitta inviando la coppia motrice necessaria a quella con più aderenza.

L’abitacolo si caratterizza per una grande cura dei particolari, passeggero e pilota hanno a disposizione uno spazio notevole, diverse le soluzioni che consentono di riporre piccoli oggetti di uso quotidiano, lungo il tunnel centrale è presente un pratico portaoggetti, davanti la leva del cambio un ulteriore vano offre la possibilità di stivare chiavi e monete. Immancabile un pratico cassetto portaoggetti.

La plancia accoglie la radio DAB e l’impianto di aria condizionata, più in basso sono presenti i comandi, realizzati con materiali robusti e resistenti a graffi e usura, degli alzacristalli elettrici, il controllo di trazione e l’assistenza per le discese ripide.

Un solo allestimento è disponibile, la dotazione di serie comprende tra l’altro:

  • fari fendinebbia;
  • abbaglianti automatici
  • specchi retrovisori esterni regolabili e riscaldabili;
  • sedili anterior riscaldati;
  • cruise control;
  • volante a tre razze regolabile in altezza con comandi multifuzione;
  • climatizzatore;
  • presa elettrica da 12 V nella console centrale e vano di carico.

Come da tradizione della casa della casa di Hamamatsu particolarmente curata è la sicurezza:

  • guidadritto: avviso superamento della corsia;
  • attentofrena: frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni;
  • restasveglio: monitoraggio dei colpi di sonno;
  • partifacile e scendisicuro: sui terreni più scoscesi nella guida in off-road la velocità viene mantenuta costante;
  • occhioallimite: riconoscimento della segnaletica stradale
  • eCall: chiamata automatica d’emergenza.

Suzuki Jimny Pro: prova su strada

Difficile non lasciarsi conquistare da un veicolo dallo stile originale e dall’estetica controcorrente, linee squadrate per un fuoristrada unico nel suo genere. Le proverbiali doti in off-road della serie precedente vengono su questa generazione elevate all’ennesima potenza, di fatto nel corso del nostro test drive abbiamo affrontato salite e tratti montuosi impervi senza mai dubitare sulle capacità del compatto Jimny.

Il motore è perfetto per potenza ed erogazione, il cambio manuale a cinque rapporti ha una manovrabilità eccellente, lo sterzo trasmette il giusto feeling anche e soprattutto in presenza di terreno accidentato, dove “mettere” le ruote nel giusto posto significa superare qualsiasi situazione.

Partendo da Roma abbiamo dapprima percorso la A1, in autostrada la Pro ha confermato l’ottimo comfort e silenziosità di marcia. Usciti ad Avellino, il lago Laceno è stata la nostra destinazione.

Nonostante le temperature rigide e il manto stradale ghiacciato, la Jimny ha costantemente superato ogni aspettativa, anche quando abbiamo deciso di percorrere dei sentieri non asfaltati. Inserendo in movimento la trazione integrale e contando su di un grip eccellente, abbiamo raggiunto facilmente la nostra meta. L’elevata altezza da terra si rivela un jolly perfetto quando si affrontano guadi e sentieri rocciosi, ottimo il grip degli pneumatici.

Jimny Pro è un mezzo fuori dal comune, una fedele compagna di avventura che non ti fa mai sentire solo, soprattutto quando sei immerso nella natura e arrivi li dove tanti altri blasonati fuoristrada non sarebbero in grado di arrivare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alla newsletter