MINI Countryman: prezzo

Rispetto a quello della wagon Clubman, il prezzo della MINI Countryman è più alto: parte dai € 25.600 dell’allestimento base One a benzina. La Cooper D è più cara (30.750 euro), ma probabilmente la scelta migliore: è sufficientemente veloce ed efficiente nei consumi.

MINI Countryman: caratteristiche

La MINI Countryman è lunga 430 cm, larga 182 cm e alta 156 cm, quindi leggermente più grande della Clubman. Delle Mini classiche viene mantenuta l’aria familiare composta dalle forme tondeggianti, il tetto piatto, le protezioni in plastica posizionate sulla parte inferiore della fiancata. Le caratteristiche da Suv, comunque, non le impediscono di rivelarsi un’auto divertente da portare in giro (e su cui farsi portare in giro). È anche molto pratica: la capacità del bagagliaio (450 litri), ad esempio può essere aumentata fino a 566 litri anche solo spostando i sedili posteriori in avanti fino a 13 centimetri. La Countryman viene proposta con trazione anteriore o integrale ALL4, la cui frizione a controllo elettronico sposta la potenza sul posteriore se l’aderenza è scarsa. È possibile scegliere fra un cambio manuale e due cambi automatici, uno normale a sette rapporti e uno sportivo a otto rapporti disponibile sulle ALL4.

Paragonata ad altri Suv, la Countryman soffre un po’ lo sconnesso a causa delle sospensioni piuttosto rigide, che possono comunque essere migliorate a un prezzo ragionevole. In curva la vettura è ancora molto maneggevole, mentre il sistema ibrido della Cooper S E aggiunge circa 130 kg che ne penalizzano l’agilità.

Per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla guida, è possibile scegliere il pacchetto Driving Assistant. Questo include il Forward Collision Warning, che avvisa quando la Countryman va più veloce del veicolo che precede o se si è avvicinata troppo. Eventualmente può anche preparare i freni a una risposta più veloce e spazi d’arresto più brevi. Il City Collision Mitigation previene invece cambi improvvisi di velocità in relazione alla velocità del traffico.

MINI Countryman: motori

I motori, a parte forse il 3 cilindri entry-level, sono tutti grintosi. A benzina sono il tre cilindri 1.5 da 102 o 136 CV e un altro da 4 cilindri in linea 2.0 che eroga una potenza di 192 CV. La versione ibrida delle auto a trazione anteriore aggiunge 88 CV sul retrotreno. Per quanto riguarda i diesel, sono disponibili un tre cilindri 1.5 da 116 CV e un quattro cilindri 2.0 da 150 o 190 CV.

MINI Countryman: abitacolo

L’abitacolo della MINI Countryman mantiene quei dettagli stilosi che ci si aspetta da un’auto della casa britannica. In tema di comodità, però, si poteva essere più generosi: sebbene i sedili siano piuttosto confortevoli, la regolazione lombare viene con il costoso pacchetto di regolazione elettronica. Il volante regolabile rende molto semplice trovare la propria posizione di guida ideale. La visibilità sulla strada è molto buona, anche grazie alla posizione di guida rialzata. Sul retro le cose cambiano per via del lunotto piccolo e dei pilastri spessi. I sensori posteriori per il parcheggio, comunque, sono di serie, ed eventualmente si può aggiungere la retrocamera. Tutte le MINI Countryman sono poi provviste di un sistema di infotainment che prevede uno schermo touch da 6.5 pollici con navigatore satellitare integrato. Il controllo è piuttosto intuitivo

Fra gli optional sono disponibili l’head-up display, un piccolo schermo sopra il cruscotto in cui vengono fornite informazioni essenziali, l’Easy Opener per il portabagagli, la retroilluminazione a Led della plancia, e il MINI Picnic Bench, una panchetta con cuscino estraibile per due persone.

Sia davanti che dietro i passeggeri hanno spazio da vendere. Solo i passeggeri più alti seduti sul divano sfioreranno con le ginocchia il sedile anteriore. Il bagagliaio può raggiungere una capacità massima di 1390 litri.

MINI Countryman: storia

La Mini Countryman è stata prodotta dalla casa britannica a partire dal 2010 nello stabilimento di Graz, in Austria, mentre nel 2017 è stata introdotta la seconda generazione. Il nome risale alla Austin Mini, in cui la nomenclatura “Countryman” indicava la versione wagon a tre porte della Mini.