Renault Espace: prezzo

Il prezzo della Renault Espace dell’allestimento base (Business) è di € 41.450 e include una dotazione più che sufficiente. Le versioni Executive e Initiale Paris pagano principalmente e rispettivamente il prezzo della maggiore “sportività” e del lusso.

Renault Espace: caratteristiche

Oltre ad essere notevolmente capiente, la Renault Espace, alta 168 cm, lunga 486 cm e larga 189 cm, è anche pratica e comoda, sia fuori città che in ambito urbano, anche grazie al sistema Stop & start e all’Engine Smart Management. Benché già nell’allestimento base si dimostri adeguatamente agile, affidabile e abbia in generale una buona tenuta di strada, è a partire dalla Executive che sono di serie anche le quattro ruote sterzanti e il sistema Multi-Sense che consente diversi stili di guida (Eco, Comfrot, Neutro, Sport e uno più personalizzabile), avendo incidenza sullo sterzo, sul cambio robotizzato e sulle eventuali sospensioni intelligenti. In tutte le versioni sono inoltre installati fari full-led, navigatore e tetto panoramico, i quali – oltre a conferire maggiore sicurezza alla guida – influiscono sulla completezza stilistica dell’auto.

Renault Espace: motori

Fra i motori, tutti dotati di cambio robotizzato a doppia frizione, è possibile scegliere fra il motore 1.8 turbo a benzina a 225 CV (a 7 rapporti) o i meno scattanti motori a diesel 2.0 da 160 o 200 CV (a 6 rapporti).

Renault Espace: abitacolo

Sembra che l’auto punti decisa al futuro quando, anziché tramite comandi “fisici”, le più importanti funzioni di bordo sono gestite per mezzo del tablet 8,7” posto sulla plancia in posizione centrale. Attraverso il sistema di infotainment R-Link 2 (ma anche attraverso il pulsante posto al centro del tunnel) è possibile attivare e gestire il già citato sistema Multi-Sense (con Ambient Lighting che personalizza l’abitacolo anche sul piano cromatico) che regola e personalizza la risposta del motore e quindi il suo suono, la rapidità di cambio e il 4Control, dal quale dipende la manovrabilità e la velocità della guida in spazi più ridotti e quindi l’Easy Park Assist. Nonostante la scarsa visibilità posteriore, dovuta alla forma dei montanti e al lunotto, a partire dalla Executive si ha una retrocamera di serie e non mancano i moderni strumenti Adas, come quello che avverte della distanza di sicurezza, dell’angolo morto e del superamento della linea di carreggiata e che include cruise control adattivo e sistema di frenata di emergenza attiva.

Renault Espace Initiale Paris

Non manca quasi nulla, in termini di tecnologia e forse anche di eleganza (se consideriamo che si tratta di una monovolume sportiveggiante), nella Renault Espace Initiale Paris, insieme alle dotazioni di cui abbiamo detto, peculiarità di serie in questo allestimento sono l’ESP con Extended Grip (controllo elettronico della stabilità e della trazione) e l’Hill Start Assist (l’assistenza nella ripartenza in salita o in discesa), il riconoscimento della segnaletica stradale verticale e avviso di superamento del limite, i sedili posteriori riscaldabili, il climatizzatore automatico bi-zona e l’attacco ISOFIX (che facilita il montaggio del seggiolino). La Initiale Paris è inoltre dotata di parabrezza panoramico Lumiere con tetto in vetro sulla prima fila, consolle con pellicola Silver Wood, il Privacy Glass e chiaramente del noto volante in pelle Nappa e dei tappetini firmati Initiale Paris nelle prime due file. È inoltre possibile richiedere un secondo monitor con lettore DVD sulla seconda fila, il tetto ad apertura elettrica e la consolle firmata Initiale Paris.

Renault Espace: storia

La Renault Espace è una delle prime auto dichiaratamente ispirate al concept Kar-a-sutra del designer italiano Mario Bellini, in collaborazione con il centro ricerche dell’azienda di arredamento Cassina, presentato per la prima volta alla Italy: the New Domestic Landscape, la mostra dedicata al design italiano organizzata dal MoMA di New York. La Renault Espace è stata prodotta a partire dal 1984. Da quella prima generazione a quella attuale di Renault Espace alcune caratteristiche sono rimaste inalterate, prima fra tutte la soluzione stilistica dell’inclinazione del parabrezza che conferisce dinamismo alle forme squadrate, senza dimenticare il pianale completamente liscio, il quale è la formula vincente per le buone capacità di versatilità strutturale dell’abitacolo.