Dati tecnici

  • Peso da 1280 Kg
  • Lunghezza 423 cm
  • Larghezza 180 cm
  • Altezza da 154 cm
  • Bagagliaio da 420 litri

Dotazioni e ADAS

Salire a bordo di Renault Captur regala la piacevole sensazione di essere coccolati dalla tecnologia. Il quadro strumenti digitale da 12,3” permette un’ottima consultazione delle informazioni di bordo tra cui, ad esempio, la navigazione e i media connessi all’auto. Il sistema di infotainment centrale da 9,3” è disposto in verticale ed è fiancheggiato dalle bocchette del climatizzatore. L’interfaccia Easy Link è di facile consultazione e, grazie al modulo di rete connesso, permette di ricevere aggiornamenti in tempo reale su meteo e traffico. Semplice il mirroring degli smartphone Apple e Android anche se è necessario collegare il cavo Usb.
Quanto agli ADAS, Renault Captur offre una guida autonoma di tipo II. Tra gli altri ci sono il cruise control adattivo, la frenata automatica d’emergenza con il riconoscimento di pedoni e ciclisti e il lane assist. Plauso al sistema di telecamere a 360° che ci aiuta davvero tanto nelle manovre in città insieme alla pratica funzione di parcheggio automatico che gestisce anche la sosta negli spazi più ristretti.

Renault Captur: la storia

La rapida crescita del mercato dei crossover ha fatto sì che Renault decidesse di scendere in campo con una sua proposta. Renault Captur esordisce nel 2013 su una versione allungata del pianale della Clio IV.
Nel 2017, complice l’ottimo successo commerciale, Renault Captur aggiorna il suo stile introducendo dei nuovi fari anteriori full LED e spostando le luci di posizione all’interno del paraurti. Dietro cambia la firma luminosa dei fanali mentre l’abitacolo migliora il suo sistema di infotainment proponendo uno schermo più grande e nuove funzionalità.
Il 2019 è l’anno che segna l’arrivo della seconda generazione della Renault Captur oggi basata sulla più recente piattaforma CMF-B del gruppo francese. Il modello aggiorna completamente la sua estetica con uno stile più maturo e introduce per la prima volta un motore ibrido Plug-in basato sulla nuova tecnologia E-Tech di casa Renault.

Perché comprare Renault Captur

Renault Captur permette i vantaggi della guida rialzata senza rinunciare allo stile da crossover coupé.
Saliti a bordo si apprezza la qualità dei materiali e degli assemblaggi con particolare riguardo sia ai pannelli porta che alla plancia.

  • Design: la seconda generazione convince nell’aspetto con proporzioni che valorizzano l’aspetto da coupé
  • Qualità: ottimo livello di materiali, assemblaggi e finiture

Perché non comprare Renault Captur

Renault Captur da buon crossover propone una generosa altezza da terra. Questa si traduce in ben 78 cm di distanza tra la strada ed il baule. Non molto semplice riporre in auto oggetti particolarmente pesanti o ingombranti.
Tra i motivi per i quali non comprare la Renault Captur vi è anche l’elevata rigidità delle sospensioni. La vettura, soprattutto negli allestimenti più ricchi che prevedono i cerchi in lega da 18”, si rivela rigida nell’affrontare i tratti di strada più dissestati. L’assetto delle sospensioni non migliora il rollio in curva che resta marcato anche sulle versioni ibride E-Tech.

  • Soglia di carico: il look crossover penalizza il bagagliaio che presenta una soglia a ben 78 centimetri da terra
  • Sospensioni: elevata rigidità sui tratti di strada più sconnessi non smorzano il rollio in curva