Dati tecnici

  • Peso da 996 Kg
  • Lunghezza 367 cm
  • Larghezza 168 cm
  • Altezza 148 cm
  • Bagagliaio da 262 litri

Dotazioni e ADAS

Hyundai i10 è una citycar concreta ma tecnologicamente ben strutturata. Il modello propone un quadro strumenti analogico con un pratico schermo a colori centrale attraverso il quale richiamare le principali funzioni di sistema. La plancia può essere dotata di un pratico schermo da 8” per il sistema di infotainment centrale che permette di usufruire ad un’interfaccia semplice e pulita che consente l’accesso alla radio digitale DAB oltre che al mirroring Apple e Android.
Quando ai sistemi di sicurezza e assistenza alla guida, Hyundai i10 è tra le pochissime citycar ad offrire di serie la frenata automatica d’emergenza e il mantenimento della corsia. Tra le dotazioni troviamo anche l’avviso per il colpo di sonno del conducente.

Hyundai i10: la storia

La prima generazione della Hyundai i10 è stata annunciata il 31 ottobre 2007 a Nuova Delhi, in India. Il modello proponeva uno stile compatto e funzionale e veniva prodotto in India nello stabilimento Hyundai di Chennai.
Hyundai i10 arriva in Europa nell’aprile del 2008 nella versione cinque porte dotata di un motore a benzina da 1,1 litri abbinato ad un cambio manuale a cinque velocità o automatico a quattro. Al lancio in Europa erano previste quattro diverse versioni: Classic, Style, Comfort e Eco Blue Version. Tutte le versioni erano dotate di quattro airbag, ABS, alzacristalli elettrici anteriori, aria condizionata e un lettore radio/CD RDS. Cinque mesi dopo fu la volta del più prestante motore a benzina 1.2.

A marzo 2011 arriva il restyling della prima serie di Hyundai i10. Oltre all’aggiornamento dell’estetica anteriore e posteriore, esordiva il nuovo motore 1.0 a benzina che sostituiva l’unità 1.1 emettendo solo 99g/km di CO2.

Nel 2013, in occasione del Salone dell’auto di Francoforte, Hyundai i10 esordisce con una generazione tutta nuova che rivede lo stile e le dotazioni. La produzione della i10 veniva quindi affidata allo stabilimento Hyundai Assan Otomotiv di İzmit, in Turchia con una capacità annua di 200.000 unità. Nel 2019 Hyundai i10 si aggiorna con un restyling di metà carriera che rivede in maniera importante l’esterno e l’interno del modello compatto. Esordisce anche la versione sportiva N Line con il benzina T-GDI da 100 CV.

Perché comprare Hyundai i10

La seconda generazione della Hyundai i10 prosegue sulla strada tracciata dalla prima. Dimensioni contenute, cofano corto e grande duttilità nelle manovre di parcheggio in città.
A conferire agilità alla vettura l’ottima dinamica di funzionamento del cambio manuale che permette di sfruttare al meglio tutta la coppia messa a disposizione dal piccolo millino sotto al cofano.
Il passo di 262 cm permette alla vettura di offrire un’ottima abitabilità interna sia per i passeggeri che a livello di bagagliaio.

  • Dimensioni: la citycar si muove agile nel traffico cittadino
  • Cambio: la leva del cambio manuale è precisa e permette di sfruttare al meglio la coppia
  • Spazio: ottima l’abitabilità per passeggeri e bagagli

Perché non comprare Hyundai i10

Hyundai i10 non presta troppa attenzione all’insonorizzazione dell’abitacolo rispetto alla strada e al vano motore. Soprattutto in fase di accelerazione si avverte il ruggito del piccolo millino a tre cilindri.
Limitata la scelta sul fronte delle motorizzazioni con il T-GDI da 100 CV della top di gamma N Line quale unica alternativa al 1.0 MPI che equipaggia le altre versioni.

  • Rumorosità: scarsa l’insonorizzazione dell’abitacolo rispetto al vano motore dell’auto
  • Motori: scelta tutto sommato limitata