Dati Tecnici

  • Peso da 1.191 Kg
  • Lunghezza da 434 cm
  • Larghezza 180 cm
  • Altezza da 169 cm
  • Bagagliaio 471 litri

Dotazioni e ADAS

Dacia Duster conferma, anche con il restyling 2021, l’intento di rappresentare una soluzione pratica e a buon mercato per quanti cercano un veicolo solido e con una buona altezza da terra. Con l’aggiornamento di metà carriera la Duster rivede il suo sistema di infotainment da 8”. È possibile scegliere tra due diverse configurazioni: Media Display con radio digitale DAB e mirroring Apple Car Play e Android Auto e Media Nav con hotspot wifi e navigazione integrata.
Quanto agli ADAS Dacia Duster propone una discreta selezione di sistemi di assistenza alla guida. A bordo è presente il sensore dell’angolo cieco, il cruise control, l’hill start assist e l’hill descent control sulle versioni dotate di trazione integrale. Insomma niente guida autonoma di secondo livello ma quanto basta per un guida sicura in città e fuori.

Dacia Duster: la storia

Da quando Renault ha rilevato il 51% del marchio Dacia nel lontano 1999 il progetto ha avuto un obiettivo molto chiaro. Costruire un’auto nuova che costasse quanto, se non addirittura meno, di una pari segmento usata. Con la Dacia Duster questo concetto è stato applicato al segmento dei SUV compatti con numeri in costante crescita dal lancio del modello nel 2007. Nel corso della sua vita commerciale la prima generazione di Dacia Duster, prodotta dal 2007 al 2010, ha saputo intercettare un pubblico più sempre ampio. Grazie alla progressiva introduzione di edizioni speciali, la Duster ha scalato le classifiche di vendita del vecchio Continente e non solo. Interessante notare come la Duster sia inoltre commercializzata in Russia e sud America con il logo Renault.
Nel 2018 è arrivata la seconda generazione che ha portato su strada un look più maturo e dotazioni più complete. L’implementazione del vecchio pianale ha permesso al costruttore rumeno di tenere bassi i costi di produzione a vantaggio di un prezzo di vendita assolutamente competitivo. Ad inizio 2021 Dacia Duster II si è aggiornata proponendo una nuova firma luminosa davanti e dietro e un sistema di infotainment ottimizzato.

Perché comprare Dacia Duster

Basta guardare il listino di casa Dacia per restare senza parole. Servono poco più di 12.000 euro per portarsi a casa un esemplare del B-SUV rumeno, un prezzo davvero senza eguali. Altro aspetto da segnalare è la gamma motori che prevede alimentazioni diesel, benzina e bifuel a Gpl.

  • Prezzo: bastano poco più di 12.000 euro per acquistare la versione di accesso alla gamma con trazione 4X2.
  • Motorizzazioni: listino ricco con motori benzina, diesel e bifuel a Gpl.

Perché non comprare Dacia Duster

Sul fronte della qualità vanno riconosciuti a Dacia indubbi miglioramenti ma molto resta ancora da fare. Basta dare uno sguardo all’abitacolo per coglierne l’essenzialità. Le plastiche sono infatti tutte rigide e, sebbene correttamente assemblate, non trasmettono un buon feedback al tatto. Da segnalare la scarsa insonorizzazione soprattutto se si ha a che fare con la versione 1.0 a tre cilindri. In generale il suono del motore filtra facilmente nell’abitacolo in fase di accelerazione e, a velocità sostenute, si avvertono fastidiosi fruscii aerodinamici all’altezza degli specchietti esterni e in corrispondenza delle barre sul tetto.

  • Materiali: le plastiche presenti all’interno dell’abitacolo sono decisamente rigide ma comunque gli assemblaggi appaiono di buon livello.
  • Insonorizzazione: scarso uso di materiali fonoassorbenti che si traduce in una elevata rumorosità della vettura soprattutto a velocità sostenute.