La BMW i8 è una coupé sporiva di segmento C lanciata nel 2015. Il primo prototipo era stato presentato a Ginevra nel 2009, quando c’era l’obiettivo di realizzare un modello ad alte prestazioni e con una propulsione elettrificata.

Con un design affilato e riconoscibile sia nel panorama delle autovetture che all’interno della stessa gamma BMW, la i8 si è subito distinta per le caratteristiche spiccatamente sportive. Con linee piuttosto dritte, l’auto vanta ottime soluzioni aerodinamiche che le consentono di avere un coefficiente di 0,26 che a velocità sostenute aumenta la tenuta di strada. L’assetto è infatti molto ribassato e la seduta è quasi rasoterra.

La trazione è totale, al posteriore mossa dal motore termico 1.500 cc benzina e all’anteriore dall’unità elettrica.

Oltre al prezzo da vera supersportiva, BMW i3 ha anche le portiere ad apertura verticale ad ala e garantisce prestazioni che restituiscono al guidatore interessanti esperienze di guida. L’esperienza di un’ibrida plug-in non può prescindere dall’autonomia e dai tempi di ricarica, due aspetti su cui BMW è a lavoro per l’intera gamma elettrificata. Inoltre non è da escludere che in futuro la i8 possa diventare esclusivamente elettrica come la i3.

BMW i8, prezzo

La BMW i8 Coupé è disponibile ad un prezzo di partenza di 149.600 euro nel solo allestimento con motore 1.500 cc e 324 cavalli. L’alternativa è la BMW i8 Roadster, con carrozzeria di tipo targa, che parte da 165.400 euro.

Entrambe le vetture sono disponibili solo in un allestimento a cui poi vanno aggiunti tutti gli optional proposti dalla casa.

BMW i8, dimensioni

Per quanto riguarda le dimensioni, la BMW i8 è lunga 469 cm, larga 194 cm e
alta 129 cm. Il passo è di 280 cm mentre il peso a vuoto va da 1.535 Kg a 1.560 Kg a seconda se Coupé o Roadster.

In quanto sportiva di segmento C, la BMW i8 ha una grande agilità che insieme alle prestazioni elevate e all’assetto ribassato la rendono adatta alla pista. Nel segmento sportivo è infatti stata una delle prime auto ad avere una propulsione ibrida plug-in, diventando un esempio per coniugare motore elettrico e sport. Per questo motivo è la Safety car ufficiale del Campionato mondiale di Formula E sin dall’anno del debutto.

BMW i8, interni

L’auto è omologata 2+2 ma i due posti sul sedile posteriore sono davvero limitati, più adatti a poggiare piccoli bagagli che a trasportare persone. L’abitacolo è strutturato da una cellula in plastica rinforzata con fibra di carbonio al quale si accede tramite i due sportelli ad ali che richiedono una certa agilità.

BMW i8, motore e prestazioni

Sia la versione Coupé che la Roadster hanno trazione integrale e sono mosse da un motore a tre cilindri 1.5 turbo benzina da 231 cavalli che trasmette la trazione all’asse posteriore, e da un motore elettrico da 131 cavalli che invece fa muovere le ruote anteriori.

L’unità elettrica è sostenuta da un pacco batterie al litio che si ricaricano grazie al motore termico e al recupero di energia in decelerazione. Inoltre l’auto si ricarica anche tramite la presa di corrente.

A livello sportivo l’auto riesce a scattare da 0 a 100 km/h in 4,4 secondi, e può spingersi alla velocità massima di 250 km/h.

BMW i8, autonomia

In modalità e-Drive la BMW i8 ha un’autonomia fino a 37 km con il solo motore elettrico, a una velocità al di sotto dei 120 km/h. Le modalità di guida selezionabili sono anche Comfort, che bilancia la potenza dei due motori, e Sport, che invece spinge al massimo le potenzialità delle unità termica ed elettrica.

BMW i8 Roadster

La versione Roadster è identica a quella Coupé con la differenza che pesa 60 kg in più e non possiede i due posti sul sedile posteriore. Il tetto in tela è ripiegabile su se stesso e completamente automatizzato che si ripone in un vano apposito dietro ai sedili anteriori.

Ci vogliono 15 secondi per aprire e chiudere il tettuccio anche in marcia fino a una velocità di 50 km/h. Contestualmente, il lunotto si alza di 3 cm.